Il 29 Aprile ha rappresentato un altro giorno triste per la cultura italiana; un giorno in cui una scrittrice contemporanea, apprezzata o meno, è stata ingiustamente accusata di aver descritto scene ‘pornografiche’; un giorno in cui dei genitori, e alcune associazioni, che dovrebbero proprio occuparsi della giusta crescita delle menti dei giovani, hanno denunciato la scuola italiana – nel particolare una – per ‘presunta corruzione di minore’. WCCOR1_0K0I5SSN-593x443Tutto questo perché? Semplicemente perché alcuni docenti, all’interno di un vasto programma previsto dal Ministero dell’Istruzione, hanno chiesto agli alunni di leggere l’opera ‘Sei come sei’ di Melania Mazzucco. Un’opera ritenuta pornografica a causa di una sola scena in cui viene descritto un rapporto sessuale omosessuale.

Si inginocchiò, fingendo di cercare l’accappatoio nel borsone, e poi, con un guizzo fulmineo, con una disinvoltura di cui non si immaginava capace, ficcò la testa fra le gambe di Mariani e si infilò l’uccello in bocca. Aveva un odore penetrante di urina, e un sapore dolce. Invece di dargli un pugno in testa, Mariani lasciò fare. Giose lo inghiottì fino all’ultima goccia e sentì il suo sapore in gola per giorni. Il fatto si ripeté altre due volte, innalzandolo a livelli di beatitudine inaudita

 

Questa la parte del libro denunciata. Pornografia o un semplice gesto di omofobia?

Personalmente ho letto libri ben più espliciti a livello sessuale, così come opere con immagini molto più crude in generale, alla stessa età (stiamo parlando di ragazzi di 15/16 anni), quando ad esempio mi venne proposta la lettura de ‘I Pilastri della Terra’, che divorai al primo anno delle Scuole Superiori. Ma non viene forse vista come pronografia una determinata immagine solo laddove descriva un rapporto non eterosessuale? Pensiamo solo al fatto che quasi tutti i ragazzi di quella età hanno letto le opere di un certo Moccia. O senza allontanarci troppo con gli anni, pensiamo a tutti gli adolescenti che hanno potuto leggere ovunque (libreria, biblioteca, internet) brani tratti dalle più famose ‘sfumature’, di cui tutte le televisione hanno parlato. O ancora, pensando alla letteratura straniera classica, chi di voi non ha letto ‘L’amante di Lady Chatterley’? Un’opera alquanto esplicita prevista in molti programmi di Lingua Straniera.Sei come sei_Mazzucco

Gli esempi potrebbero essere infiniti ma il punto da sottolineare è questo: l’omosessualità è ancora vista come pornografia? Sì. Putroppo. Perché il brano dell’opera della Mazzucco non ha nulla di così volgare, rispetto a ciò che continuamente è sotto gli occhi di quegli stessi ragazzi; perché un rapporto omosessuale viene visto sempre privo di una parte affettiva, come se tutto si riducesse sempre e solo ad un atto sessuale in sé; perché nonostante la storia insegni (basta pensare ai Greci e ai Romani) che l’omosessualità è naturale come qualsiasi altro orientamento sessuale, noi, oggi, ci ritroviamo davanti a genitori impauriti dal fatto che un libro possa far diventare gay i propri figli.

Come a dire: leggete la Bibbia, probabilmente diventerete portatori della parola divina.

No. Leggete ciò che volete, dai classici agli autori contemporanei; leggete libri d’amore, storici, noir; leggete storie di amori eterosessuali, omosessuali o pansessuali; leggete perché leggendo alimenterete la vostra mente e la vostra mentalità.

Questo avrebbero dovuto dire i genitori dei ragazzi del Liceo Giulio Cesare di Roma; questo avrebbero dovuto sostenere le Associazioni. Ma questo invece dobbiamo dirvelo noi.

Purtroppo non sono mancate le manifestazioni di gruppi studenteschi di Estrema Destra, che ovviamente non hanno atteso di mostrare la loro omofobia. Per fortuna non sono mancate neanche la manifestazioni di solidarietà a dei professori, accusati ingiustamente, e ad una scrittrice sempre delicata.

-Ady-

 

Annunci